Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Ven, 21/07/2017 - 18:36
sei qui: Home > Life > Eventi > La storia di Sant'Andrea Avellino in un fumetto

Eventi Potenza

Castronuovo S. Andrea

La storia di Sant'Andrea Avellino in un fumetto

Il 19 agosto una serata dedicata alla cultura

di Redazione Basilicata24

La storia di Sant'Andrea Avellino in un fumetto

Un appuntamento che si rinnova dal 1980. Domenica 19 agosto 2012, alle ore 18.30, in Piazza Castello, a Castronuovo Sant’Andrea, si ripete, dal 1980, una serata dedicata alla cultura coniugata nei suoi diversi aspetti, senza mai dimenticare il territorio. Anche quest’anno, come sempre, si parte dal suo figlio più illustre, Sant’Andrea Avellino, con un volume (Sei tocchi di lame, Edizioni della Cometa, Roma) che permette di conoscerne, vita, morte e miracoli. L’incarico di raccontare la storia del grande personaggio del Cinquecento è stata affidata a Giuseppe Palumbo, uno dei più conosciuti disegnatori di fumetti, nato a Matera nel 1964, formatosi su riviste come “Frigidaire” e “Cyborg”, subito entrato nella Sergio Bonelli Editore di Martin Mystére e di Dylan Dog  e nella Astorina di Diabolik.Palumbo ha affrontato un tema così delicato come quello della vita di Sant’Andrea, con grande umiltà e totale dedizione. Il risultato è un piccolo capolavoro di intuizioni, invenzioni grafiche, considerazioni che permetteranno alle nuove generazioni di avvicinarsi al Santo della Controriforma con un interesse sempre crescente. Del libro parleranno, in un dialogo ricco di spunti e di riflessioni, Giuseppe Appella e l’autore. Questo dialogo permetterà di ricordare, a un anno della scomparsa, Franco Palumbo, già Presidente della Scaletta di Matera ma, soprattutto, un difensore e divulgatore accanito della sua città, Matera, sostenuta con scritti, mostre e una vita intera dedicata a farne conoscere la singolare bellezza da conservare e difendere da tutte le violenze che quotidianamente si perpetrano. La mostra che si affianca al ricordo, ricca di immagini e documenti, rinnovella gli incontri importanti con i personaggi più illustri della contemporaneità, quasi sempre accompagnati in una visita guidata dei Sassi.A conferma che la Lucania non ha per nulla perduto il privilegio di dare i natali a grandi poeti (nel solo Novecento si ricordano, tra gli altri, Sinisgalli, Scotellaro, Pierro, Parrella, Riviello, Trufelli, Salvia), ecco farsi largo Alfonso Guida, nato a San Mauro Forte, già vincitore del Premio Montale, e autore di un bellissimo libro appena uscito da Poiesis Editrice, Irpinia, al quale l’attrice Carla Chiarelli dedica un apposito spettacolo curato da Lorenzo Loris. Irpinia è stato scritto nel febbraio 2011 per ricordare, attraverso testimonianze di fantasia e non, attraverso la vita del dopo terremoto nei campi lucani e dell’avellinese, il trentennale del sisma avvenuto il 23 novembre 1980 e causa di molte morti e di molte distruzioni. Non è, tuttavia, una pura e semplice descrizione realistica del disastro ma anche e soprattutto una turbinosa visione metaforica di una condizione esistenziale che per tutto il ‘900 ha messo sul banco dei testimoni intere generazioni di poeti, a sottolineare la precarietà di una vita in continuo confronto col buio tragico dell’essere e del nulla. La lettura drammatizzata, per corpo e voci, sceglie la via dell’essenziale. L’attrice, supportata soltanto da un piccolissimo intervento musicale, evoca il coro di voci, fisiche e mentali, per meglio far urlare la potenza della lingua e delle immagini che si susseguono in un vortice visionario.                                                                          Tre mostre faranno da corollario allo spettacolo: le 50 fotografie di Romano Martinis (Udine 1941) raccolte sotto il titolo Il sorriso dell’Afghanistan. Sono state realizzate in undici viaggi compiuti tra il 1977 e il 2012, per documentare “una guerra che non è guerra”, tante sono le logiche economiche, di confine, che hanno portato a tanti morti e a tanta instabilità e che, nonostante tutto, hanno il sorriso della speranza; le 100 litografie di Henri Matisse per i poemi di Charles D’Orleans e le 40 litografie di Carla Accardi che mettono in luce gli sviluppi espressivi di una buona metà del secolo appena trascorso. I tanti stimoli culturali della serata saranno, come di consueto, coordinati da Mario Trufelli che accoglierà anche le testimonianze del Vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro Mons. Francesco Nolé, del Sindaco di Matera Salvatore Adduce, del Sindaco di Castronuovo S.Andrea Sandro Berardone, del Presidente della Pro Loco Pierino Ruberto, del critico letterario Franco Vitelli. Allieterà la serata il Duo Jazz (Giuseppe Di Monte, chitarra classica, Marco Emma, piano), proveniente dal Conservatorio di Bologna. 

Ven, 17/08/2012 - 15:22
Stampa