Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mar, 25/04/2017 - 21:39
sei qui: Home > Life > Il tempo che passa porta una nuova stagione della vita

Life Potenza

Cancellara

Il tempo che passa porta una nuova stagione della vita

L'incontro di Monsignor Ricchiuti con i soci dell'Unitre: "la vecchiaia non è malattia"

di Redazione Basilicata24

Il gruppo dell'Unitre con mons. Ricchiuti Il gruppo dell'Unitre con mons. Ricchiuti

 


Riceviamo e pubblichiamo la nota della signora Franca Caputo


Dal 22 al 25 marzo, la comunità di Cancellara ha avuto l’onore di ospitare Sua Eccellenza Mons. Giovanni Ricchiuti durante la sua “Visita Pastorale”. Numerosi gli appuntamenti che hanno scandito la permanenza del Vescovo in questo comune, tra cui l’incontro con i soci dell’Unitre di Cancellara avvenuto lo scorso venerdì. La Presidente, Rosa Lioi, dopo avergli rivolto un caloroso benvenuto, ha illustrato le innumerevoli attività svolte nel corso degli anni e ha espresso il desiderio di poter realizzare in futuro alcuni progetti molto ambiziosi. Monsignor Ricchiuti, nel ringraziare per l’accoglienza riservatagli, ha manifestato grande soddisfazione nel constatare che la sezione Unitre di Cancellara continua il suo lavoro, soprattutto perché è stato testimone della sua nascita. Poi, rivolgendosi alla platea composta prevalentemente da ultrasessantenni, si è compiaciuto per la loro attiva partecipazione, affermando che questa “stagione della vita” non solo custodisce la memoria del passato, ma sa raccontare e, soprattutto, è testimone di vita, di saggezza e di educazione verso le nuove generazioni. Dunque, la vecchiaia non è essa stessa una malattia, come invece sostenevano gli antichi romani "senectus ipsa morbus", ma può costituire una fase felice per quanti sapranno apprezzare e valorizzare questo momento dell'esistenza. Richiamando, poi,  alcuni versi di Madre Teresa di Calcutta che inneggiano alla vita, ha sottolineato che essa è un dono e come tale va amata e apprezzata e non sprecata in cose vacue come accade oggi tra le nuove generazioni. Ha elargito, altresì, preziosi suggerimenti riferendosi al possibile coinvolgimento dei giovani nelle attività didattiche dell’Unitre, fornendo loro un’occasione per mettere a frutto le competenze acquisite nel corso degli studi. Infine, nel congedarsi, ha auspicato un ritorno all’associazionismo come espressione delle attività di partecipazione, solidarietà e pluralismo, un valore ormai  in via di estinzione sostituito dall’individualismo sempre più dilagante nella nostra realtà. Grande è stato l’entusiasmo e la commozione dei presenti per questa lezione così speciale.


Franca Caputo

Mar, 27/03/2012 - 17:16
Stampa