Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 25/06/2017 - 18:26
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > Criminalità, cova il fuoco sotto la cenere?

Interventi e commenti Potenza

Criminalità, cova il fuoco sotto la cenere?

Don Cozzi (Libera) sulle auto di recente incendiate nel Vulture-Melfese

di Redazione Basilicata24

Immagine di repertorio Immagine di repertorio

Tra i fuochi che stanno bruciando la Basilicata in questa torrida estate, dovremmo considerare anche quelli che, almeno null'ultimo mese, hanno mandato in fumo alcune automobili nel territorio del Vulture Melfese. Il silenzio che come spesso accade ha accompagnato questi incendi, non aiuta certamente a prendere in considerazione il fatto che probabilmente qualcosa potrebbe essere tornato a muoversi negli ambienti criminali del nord Basilicata. Vorremmo sperare che questi episodi non siano da collegare alla recente scarcerazione del boss Massimo Cassotta. È chiaro però, che il primo pensiero inevitabilmente mette in correlazione questi episodi incendiari con la liberazione del boss. In attesa che le Forze dell'ordine facciano luce su quanto sta accadendo, il nostro invito all'opinione pubblica e alle istituzioni, non può che essere di tenere alta la guardia senza trascurare o sottovalutare nessun episodio preoccupante, anche perché la recente storia criminale del Vulture Melfese ci dice che in quella zona spesso si trova il fuoco sotto la cenere”.

                                                                                                    Don Marcello Cozzi, vice presidente nazionale di Libera 

 

Mar, 21/08/2012 - 13:41
Stampa