Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Ven, 21/07/2017 - 18:36
sei qui: Home > L'opinione > Interventi e commenti > "Masseria Crisci è in stato di abbandono"

Interventi e commenti Potenza

MONTEMURRO

"Masseria Crisci è in stato di abbandono"

Massaro (Csail): "La struttura ha tutte le carte in regola per diventare punto turistico"

di Redazione Basilicata24

Masseria Crisci Masseria Crisci

Proprio nel giorno in cui prende il via l’evento “Storie in cammino: itinerari sulle Vie Francigene della Val d’Agri”, con l’obiettivo di far conoscere e valorizzare il patrimonio ambientale-naturalistico, storico-culturale, alimentare della valle del petrolio, il Csail-Indignati Lucani denuncia che un fabbricato rurale di pregevole fattura, restaurato dal Comune di Montemurro con una somma di oltre due miliardi di vecchie lire, la “Masseria Crisci”, è scarsamente utilizzata. I locali molto belli  che fino all’anno scorso erano adibiti per la ristorazione, convegni, matrimoni,  piano bar, eventi culturali,  ecc. sono stati adibiti a sede del Gal-Akiris e pertanto sono preclusi alla fruizione pubblica, restano chiusi e abbandonati alle intemperie meteorologiche. Una struttura che è localizzata in un paesaggio incantevole scoperto e frequentato anche da tantissimi turisti. Solo un varco pedonale ricavato da ignoti lungo la recinzione permette il passaggio a quanti sono amanti delle bellezze della natura, persino a sposi che vogliono fotografare e immortalare il giorno del loro matrimonio. Molti cittadini che si sono rivolti al Csail chiedono di sapere  i motivi di questa insensata riconversione della “Masseria Crisci” il posto ameno sul lago Pertusillo, il più bello e non solo della Val d’Agri. Accade così che, da una parte si fanno sforzi anche encomiabili come quelli dei volontari del Wwf, per attrarre visitatori in Val d’Agri magari ripercorrendo gli itinerari delle antiche Vie Francigene, e dall’altra si sprechino contenitori in grado di rappresentare un punto di riferimento per gli eco-turisti e per ospitare iniziative culturali ed artistiche. Senza sottovalutare che “Masseria Crisci”  ha tutte le carte in regola per diventare vetrina permanente di esposizione dei prodotti agricoli di qualità e dell’alimentare e vini tipici di quest’area. Ancora una volta gli amministratori regionali e locali dimostrano di avere più attenzione per il petrolio che non per quegli autentici giacimenti produttivi rappresentati da ambiente, storia e cultura.

 

Filippo Massaro, presidente Csail, Indignati Lucani

Mer, 29/08/2012 - 16:59
Stampa